PRADA MEETS GATSBY

Ai tempi dell’arrivo del Grande Gatsby di Baz Luhrmann nelle sale si è fatto un gran parlare di quel che forse rimarrà come l’elemento più memorabile di tutto il film, assieme alle iperboliche scenografie: i costumi. Pelliccia colorata, lamé metallico, brillante taffetas di seta e velluti, per un set di abiti moderni e in spirito Charleston.

Così, ha inaugurato un paio di giorni fa a Shanghai, presso il negozio Prada IFC, Catherine Martin and Miuccia Prada Dress Gatsby, la mostra itinerante che celebra la collaborazione tra la stilista italiana e la Martin, costumista e moglie di Luhrmann che si è cimentata in precedenza in film quali Ballroom – Gara di Ballo, Romeo + Giulietta, Moulin Rouge e la scenografia de La Bohéme per Broadway. Giunta in Cina dopo le tappe di New York e Tokyo, l’esposizione svela come gli anni 20 fossero insiti, seppur mascherati, nello stile di Miuccia Prada da sempre.

La mostra è certamente un segno dello stretto rapporto tra cinema e moda, di cui esistono altri esempi illustri come il caso di Giorgio Armani, da American Gigolo a Eyes Wide Shut. Nel caso specifico del Grande Gatsby i capi sono stati tutti ridisegnati per accondiscendere alle esigenze filologiche. Tuttavia rimangono l’immagine del nostro tempo.

In alto: la top model Lv Yan all’opening della mostra nella boutique Prada di Shanghai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.