PRE-LOVED ON TOUR ROMA

In un momento particolare per la città di Roma, nei giorni dell’Alta Moda, Private Griffe è sbarcata in città per l’attesa seconda tappa del Pre-loved on Tour in collaborazione con Oxfam Italia e MarieClaire.

Ospite d’eccezione lo spazio Re(f)use di Carmina Campus, la boutique concepita da Ilaria Venturini Fendi e dedicata ad accessori e complementi d’arredo realizzati con materiali riciclati. Quale luogo migliore dunque per accogliere un progetto che ha fatto non solo della solidarietà, ma anche della sostenibilità una sua leva?

L’evento era in calendario per le 3 del pomeriggio, ma qualcuno si è presentato all’appuntamento con un’ora di anticipo, in ansiosa attesa dell’apertura. Un rail di meravigliosi abiti rossi da sera, dal rubino al magenta accoglieva i visitatori appena entrati e i capi, tra cui piccole perle come dei vintage di Yves Saint Laurent o di Thierry Mugler, o adorabili pezzi di Marni e Valentino, sono andati a ruba.

Come da copione i capi provenivano dai celebri armadi di Valeria Golino, Filippa Lagerback, Lucilla Bonaccorsi Beccaria, Geppi Cucciari, Isabella Borromeo ma anche Letizia Moratti o Marina Pignatelli tra le molte donne che hanno accolto l’invito di Livia Firth ad aprire i loro armadi con il cuore. Il ricavato sarà devoluto a Oxfam e destinato in ordine di priorità a diversi progetti volti a combattere il disagio e la povertà nel mondo.

L’evento si è trasformato in un momento di grande socialità che ha riunito il bel mondo romano – da Delfina Delettrez a Valeria Mangani, le attrici Elisabetta Pellini, Daiana Roncione ed Eleonora Sergio e ovviamente Ilaria Venturini Fendi – e chi si trovava nella capitale per la settimana della moda, come l’arguta penna del New York Times Suzy Menkes che ha passato in rassegna con interesse la selezione di second hand griffato.

Uno spaccato di moda reale vissuta dalle donne che hanno amato quegli abiti e deciso infine di donarli per una causa benefica.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.